19.3.12

Ragazza dinamica, con buone capacità di problem solving e di leadership, professionale, determinata e flessibile, salterebbe primo colloquio di valutazione.

Versione integrale.

('mmazza, però, che capelli che ho...)
Buongiorno. Mi scusi se l'ho fatta attendere. Si accomodi.
Buongiorno. Si figuri. Grazie. 
Allora, allora, allora... Ho appena visionato...
(azz!... il capello...)
... il suo curriculum. Ecco... mi sfugge di cosa si è occupata negli ultimi quattro anni.
(tenda in spiaggia, test, panza, me la cresco fino ai due anni tanto lui lavora, ohi ohi lui non lavora più, ohi ohi dicono che c'è la crisi, ohi ohi è un anno che cerco lavoro) ...
Mi scusi, ha detto "ohi ohi"?
No, dicevo "oh! io ho": io ho gestito una piccola... impresa... a conduzione familiare.
Attualmente ancora occupata?
(ad infinitum) Sì. Ma adesso sto tentando di diversificare.
Eh, già. Il posto fisso annoia, vero?
E come no?
E mi dica, che genere di impresa è?
(casa, casa, casa, casa, casa, asilo, casa, casa, casa, casa, pediatra, casa, casa, casa, cenone di Natale yuppieeee, casa, casa, casa, casa, tre etti e mezzo grazie) Immobiliare di zona. Talvolta con estensioni all'estero.
Bene. E le sue capacità principali?
(Noooooo, Sofi! Ma dovevi farla proprio sul ciglio di casa? Non ci fanno entrare più all'asilo... va be, alle maestre diciamo che è stato per strada) Ho spiccate capacità di problem solving e (Sofia, non ti fare rincorrere per tutta casa, Sofia! a lavarci, Sofia... Sofia... Sofia... Sofia... Sofia... Sofia...) e molta pazienza e (eeee no, bello, non è che se ti fai più trendy il pacco mi devi costare di più: io non ti compro proprio pe niente) e competenze aggiornate di marketing.
Capito. Va bene. Valuteremo la sua candidatura.
Bene. Grazie per l'opportunità.
Ah, un'ultima domanda. Li porta sempre così i capelli?
(...) Per la legge di Murphy oggi sì.
('mazza che sfiga) Le faremo sapere.


Versione ridotta.

"E come mai non lavora da quattro anni?"
"Varie ed eventuali"
('mazza che sfiga) Le faremo sapere.



E va bene. Questi sono ipotetici colloqui nella mia testa.
Il problema è quattro anni.
Il problema è che quando son rimasta incinta avevo ventisette anni e sembrava avessi un'infinità di tempo e ora ne ho trentuno.
Il problema è trentuno.
Il problema è che le uniche parole che scambio con il mondo sono "Sofia ha mangiato tutto, oggi?" e mi rendo conto che la mia capacità lessicale decresce in modo inversamente proporzionale a quella di Sofia.
Il problema è che si vede che sto a casa. Da quattro anni. L'impasto di lentezza, di assenza di obiettivi, di orari da rispettare e di tutto quello che concerne lo stare in mezzo al mondo, non c'è niente da fare, mi si vede.
Il problema è che non ho competenze specifiche, ché ho studiato filosofia e sapete bene che cosa posso farci con il sapere a menadito il "Fondamento della scienza" di Fichte. Appunto: fichte.
Perciò ho il panico da primo colloquio. Più di tutto ho il panico da "ma ci dica un po' di lei" e "come mai non lavora da quattro anni?"
Perciò ho di recente telefonato ad un panificio come commessa. Un panificio.
"Ma lei ha esperienza in questo settore?"
"(...) No, ma sono stata responsabile alla vendita in un negozio d'arredo di interni"
"Eeehh, no, mi dispiace, cercavo qualcuno con esperienza nel campo della panetteria"
Cioè. Ma quale cazzo di specie di master esiste per vendere quattro panini e una pizzetta?

E quindi sono qui con i miei dubbi, le mie paranoie, l'acqua alla gola, il cane che si mangia la coda, ché ho paura di sto benedetto colloquio e passerebbe lavorando, ma non c'è lavoro senza colloquio.
Bon.
Come si scaccia sto cane?
Problem solving, eh? 'mazza che sfiga.



12 commenti:

  1. la tua capacità lessicale è di molto superiore alla media, mia cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      quando ero piccola, ma ogni tanto anche adesso da adulta, mio padre mi diceva: "hai un'intelligenza al di sopra della media" e a me tutte le volte mi veniva da ridere perché mi sembrava tipico di un papà.
      grazie, Pa :)

      Elimina
    2. che non sei mio papà :)

      Elimina
  2. Ma come come si scaccia!? Ci sei arrivata scrivendo. Leggiti.

    RispondiElimina
  3. (Scusa, la prima frase si legge così: Ma come "macomesiscaccia?"?) ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)))))) va be, lo avevo capito...
      e però continuo a non capire cosa devo rileggere, come ci sono arrivata.
      lo scopriremo solo vivendo o me lo dici? :)

      Elimina
  4. quando il prima fa così paura, poi durante sarai perfetta e dopo soddisfatta!
    bon courage

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che carina. mi piace molto.

      Elimina
    2. ah! beh, ho letto il tuo about.
      non devo aggiungere nient'altro.

      Elimina
  5. non credo che ti servirà a molto, ma sappi che io che lavoro ininterrottamente da, hmmm, direi 15 anni, ho pure io un paralizzante, inibente, balbettizzante terrore del colloquio di lavoro. a catania ti racconterò come è andato un colloquio che ho fatto qualche anno fa, nel mezzo del cammin della mia vita professionale, che se ci penso adesso ancora mi vengono le palpitazione e la voglia di addormentarmi sul colpo, manco fossi narcolettica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma invece mi serve moltissimo. il termine di paragone, tu, è enorme.
      ah, quindi quando sei in crisi ti addormenti? solo a pensarci mi ammazzo dalle risate! quando vieni a CT ti possono prendere per il c? solo un po' dai!
      :)

      Elimina