15.8.12

Pazzia?

La conoscete tutti, no?, la storia di quel re che regnava in un paese di grande pace ed armonia. Un paese dove tutto quello che di buono al mondo esisteva, lì c'era. I sudditi vivevano felici e nell'abbondanza ed ogni giorno era grande festa. 
E nel mezzo di questo paese c'era una fonte di acqua pura e benefica dove tutti andavano ogni giorno ad attingere per bere. Tutti tranne il re, che restava al palazzo a regnare perché tutto quel bene nel suo paese rimanesse intatto. 
Una sera una vecchia strega malvagia, inorridita da così tanto bene, avvelenò la fonte. 
E l'indomani, al sorgere del sole, i sudditi, ad uno ad uno cominciarono a bere, e bevendo diventavano all'istante, ad uno ad uno, pazzi. A sera il paese era tutto in subbuglio, urla, risa gracchianti, balli forsennati. E quello che era festa quotidiana nel paese, con tutti quei sudditi ormai pazzi, si trasformò in caos. 
Allora il re scese dal palazzo per andare a vedere cosa provocasse tanto schiamazzo. E vide che tutti erano pazzi. 
E cominciò ad urlare disperato perché tornasse la ragione. 
I sudditi, vedendolo, tutti in coro urlarono che bisognava scacciare quel re perché era diventato pazzo.
Il re non sapeva che fare. Lasciare il suo amato paese o rimanere?
Scelse di bere alla fontana avvelenata.
E tutti, sudditi e re, ripresero a fare festa.


Questa storia oggi mi appartiene. 
Perché lì, dove lavoro io, tutti parlano il siciliano stretto e, visto che la lingua, il linguaggio in genere, è forma di qualcos'altro, quel qualcos'altro è un cicaleccio vuoto di stupidaggini, male lingue, detti provinciali e starnazzi da basso sobborgo. Non solo non li comprendo ma non faccio nemmeno lo sforzo di capire e partecipare a così brillanti conversazioni.

Capite bene che lì sono io la pazza. 
Se non fosse che vengo costantemente elogiata dai miei clienti per il lavoro svolto, a conti fatti, tra colleghe, datori di lavoro e cicalecci, rimango pazza.

Francamente bere alla fontana non mi va. Partecipare alla festa, manco a dirlo.
Mi rimane però da capire se la mia sia saggezza o pazzia.

4 commenti:

  1. Risposte
    1. grazie, Pa. Fino a questo momento ho temuto.
      :)

      Elimina
  2. Mia cara, io sono pazza da quindici anni!!!! Ma ti assicuro che si sopravvive benissimo!!! Ciao mammamiao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intanto, ma ciaaaaaaooooo, Mammamiao!!! Che grandissimissimo piacere!!! Sai che mi capita di pensarti?

      poi, ma nel senso che parli il siciliano? (che poi era inteso in senso lato, eh? nel senso di cultura bassa, ecco)

      Elimina